Nomenclatura

BRUT: E’ tale lo spumante in cui gli zuccheri sono inferiori a 15 grammi per litro. La stragrande maggioranza degli spumanti metodo classico è brut, che in un pranzo, nell’accompagnarsi alle portate, è di straordinaria versatilità.

CRU: Con la parola si intende un vigneto o una sua parte inseriti in una determinata zona. Le uve del cru sono sempre più pregiate delle altre.

CUVEE: E’ l’assemblaggio di vari vini, dalle diverse caratteristiche, tutti pregiati, con cui si crea il vino base dal quale poi nascerà lo spumante.

DEGORGEMENT: E’ l’operazione con la quale si eliminano i sedimenti che si sono depositati sul tappo durante la maturazione dello spumante. In italiano l’operazione è definita SBOCCATURA.

DEMI-SEC: E’ lo spumante creato per accompagnare, generalmente, i dolci. Ha, appunto, un gusto dolce. Solo,pochissime case lo propongono.

DOUX O DOLCE: E’ il metodo classico realizzato con un dosaggio di zucchero superiore a 50 grammi per litro.

EXTRA BRUT: E’ tale quando il dosaggio è inferiore ai 6 grammi per litro. Uno spumante molto secco.

EXTRA DRY: Questo è il nome che si dà agli spumanti con zucchero tra 12 e 20 grammi per litro.

LIEVITI: Sono i microrganismi responsabili della fermentazione del mosto d’uva, trasformandone gli zuccheri in alcol etilico e anidride carbonica. Sono anche i principali responsabili della presa di spuma.

LIQUEUR DE TIRAGE: E’ lo sciroppo che viene aggiunto al vino base perché si realizzi la presa di spuma. E’ definito anche sciroppo zuccherino ed è costituito dallo stesso vino, da lieviti, mosto d’uva concentrato e saccarosio. Nel caso del Trento Doc è costituito da lieviti, vino base della cuvèe e saccarosio che è sempre zucchero di canna.

LIQUEUR D’EXPEDITION: Così è chiamato lo sciroppo ad alta concentrazione di zucchero che viene aggiunta agli spumanti prima della tappatura definitiva. Ha il compito di dare il giusto grado di morbidezza e rotondità. E’ definito anche SCIROPPO DI DOSAGGIO.

MATURAZIONE: E’ il periodo di invecchiamento dello spumante, durante il quale i lieviti lavorano per formarne le caratteristiche. Per il Trento Doc è fissato tra 15 e 24 mesi.

MILLESIMATO: E’ tale lo spumante quando la cuvée viene da un’unica annata. Lo si riconosce dall’etichetta che porta l’anno della vendemmia. In genere i millesimati hanno un processo di maturazione che va oltre i 24 mesi e nelle case più prestigiose può arrivare a 7, 8 anni e anche più.

PAS DOSE’: Si può dire anche PAS OPERE’, NON DOSATO, DOSAGE ZERO, BRUT NATURE. Il significato è che allo spumante nell’esito del processo di maturazione non è stato aggiunto sciroppo di dosaggio. E’ particolarmente secco.

PERLAGE: E’ il complesso delle bollicine che, versato lo spumante, salgono sino alla superficie.

PRESA DI SPUMA: Avviene con la seconda fermentazione che, per il metodo classico, è in bottiglia. Si esprime nella trasformazione dello zucchero in alcol e anidride carbonica, cioè le bollicine, grazie all’attività dei lieviti.

REMUAGE: E’ l’operazione con cui alle bottiglie di spumante viene impressa ogni giorno una leggera rotazione per spingere i sedimenti a scendere nel collo della bottiglia a contatto con il tappo metallico.

SPUMA: E’ ciò che si forma sulla superficie di uno spumante appena servito nel bicchiere. Più persiste e più si è sicuri di essere di fronte ad uno spumante di eccellente maturazione.